Archivio mensile:aprile 2007

Standard
Come ho fatto a non scrivere la cosa più bella di Mosca?
Quando si esce con una ragazza le si portano dei fiori.
Annunci

Mosca/Agrigento – стоп (stop)

Standard
Che si gioca per vincere e non si gioca per partecipare. Accendo il lettore mp3 e sento queste parole. Allora penso a cose che non stavano nella mia mente da tempo, e parecchio. Avevo perfino dimenticato di avere un cane.
Mosca. E’ la città delle belle macchine e delle strade larghe. Ho contato fino a dieci corsie in pieno centro. E’ un’autostrada costruita fra i palazzi.
Mosca è la città del cielo grigio quando è grigio e i colori più vivaci, dei meno-venti-gradi d’inverno e dei cinque in primavera.
E’ la città che va di corsa, grande quanto mezza Sicilia e con quattordicimila persone ogni giorno che la calpestano.
Mosca è piena di monumenti e di storia, povera povera ostenta ricchezze. E’ la città dell’olio versato da Annuska in quel vecchio parco affollato, la città del sonno che non è mai sazio abbastanza, del casinò e dei rubli.
E’ la città delle matrioske e dei venditori dai denti d’oro, delle spose in bianco, rosso, azzurro, nero, testarde a riprovarci pure per la terza volta.
E’ la città dei paesaggi impensabili e dei palloncini colorati gonfi di elio. La città di chi si mette in fila indiana per aspettare il bus, dei buffet tutti uguali a tutte le ore del giorno, che se non avessi l’orologio ti confonderesti.
Mosca è due ore avanti, ma cinuant’anni indietro. E’ la città di chi vuole cambiare a tutti i costi e non ci riesce, di chi vuole tutto uguale e non l’ottiene.
La città del bagno prima nella nutella e poi nella vasca. Dei caffè a tutte le ore perchè ce n’è bisogno. Della musica a manetta e delle canzoni improvvisate. Dei colpi di scena e un po’ di vodka e red bull. O della
piña colada: troppo buona, o fatta male.
Mosca è la città del tutto ok. Che si gioca per vincere e chi vince è perduto.

painless

Standard
Ho preso tutto il freddo che la città poteva offrirmi e l’ho messo nelle mie ossa, così da raffreddare quello che mi ribolliva dentro. Sto zitta e ingoio, ma sotto sono un vulcano.
Questo forse qualcuno può capirlo, io ho aspettato solo un momento buono per parlare. Ho buttato fuori tutto quello che in una settimana mi è bruciato dentro e ha divorato ogni cosa.
Non so cosa verrà dopo.

Standard
Una giornata così è fatta solo per una cosa: il mare. Appunto, tra un po’ esco. Nient’alro che un pomeriggio con le amiche più improvvisato che si può perchè altrimenti non riesce.
Bai bai.

waiting for

Standard
Prima di lasciare qualche traccia della gita a Mosca (devo ancora passare le foto al pc, lo ammetto), posto questo test qui sotto, se per caso non si fosse capito che tipo sono. Chi se lo legge tutto?

Orientamento Introverso
Funzione dominante Intuizione
Funzione d’appoggio Sentimento
Funzione terza Pensiero
Funzione inferiore Sensazione
Tendenza Percettiva


Per questo tipo introverso, è di primaria importanza essere coerente con i valori nei quali crede. Possiede una sorta di senso etico naturale o spontaneo che diventa spesso segretamente comunicativo. In sua presenza le persone tendono a rispettare e seguire i valori nei quali crede. Esercita quindi un effetto positivo sugli altri. È una persona calma e riservata. È sensibile e capace di trattare la gente in maniera molto differenziata. Sa infatti percepire, grazie alle sue ottime qualità intuitive, le differenze e le caratteristiche delle persone che ha di fronte. Malgrado queste doti, può però apparire come un individuo freddo e distaccato a causa della sua introversione che lo porta o non aprirsi facilmente. È difficile da conoscere ed è molto selettivo nelle sue amicizie. Ha tendenza a idealizzare le relazioni che per lui sono importanti con il rischio di subire alcune grosse delusioni. Ha inoltre tendenza a personalizzare molto le situazioni con il risultato di essere facilmente ferito o più semplicemente offeso. Ed essendo introverso tende a non “esternare” i suoi sentimenti quando sono stati feriti: si tiene tutto per sé. La sua funzione inferiore è la sensazione. Non è quindi particolarmente realistico e pragmatico. Rischia di saltare troppo velocemente alle conclusioni, tralasciando l’analisi di fatti e dettagli importanti. Preferisce seguire le sue ispirazioni, rischiando di commettere degli errori che potrebbe evitare. Non ama prendere tempo per essere preciso. È una persona creativa e curiosa. Aperta ed interessata a fare nuove conoscenze ma anche a conoscere nuove idee, libri, iniziative. Ha frequentemente un amore spiccato per l’arte. Può essere un buon comunicatore che si esprime in maniera appassionata. Ha bisogno di periodi di solitudine o di isolamento. Può avere delle forti spinte religiose o interessi spirituali. Sul piano lavorativo può essere attratto da professioni che abbiano una componente umana, relazionale o basata sul linguaggio. È forse il più intellettuale tra i tipi sentimento. È inoltre molto leale nei confronti di una organizzazione capace di essere in sintonia con i suoi valori personali.

Letto? Sicuro? Ci credo, ok. Questo è il link.

meno tre

Standard
Ultimi preparativi, ultimi giorni e ultimi acquisti. La neve!
Ieri un gelato e qualche discorsetto di quelli che si fanno seduti davanti al mare, lontano lontano, ma davanti a te.
Nemmeno sono partita e già sono in programma ben due viaggi. Sto diventanto una trottola.