Archivio mensile:dicembre 2006

per chi si vuol divertire

Standard
Questa forse non ci voleva. O forse sì. Ho visto delle foto che non pensavo (che non pensavo esistessero; che non pensavo fossero venute così bene; che non pensavo) e mi hanno fatto un po’ cambiare idea su una certa storia che ricordavo quasi con rammarico. E in realtà no. Una gran bella storia, una faccenda strana, divertente e ingarbugliata che però ho fatto concludere chissà in che modo. Adesso voglio a tutti i costi che ricominci ingarbugliata, come già è e continua a essere, divertente e strana, però diversa, come voglio io e non solo io.
Ridevo tanto, con il cuore in gola. E anche domani c’è da divertirsi, per chi si vuol divertire..

caos calmo

Standard
Proprio così. Mi sono lasciata prendere da questa strana voglia di lasciar perdere e solo da pochi giorni mi sono resa conto di quanto sia stato scorretto. Ma a me è servito, anche se forse davvero solo a me. E quella confusione è un cruccio che ho dentro. Ho avuto tanto da ripensarci, non da pentirmi, da imparare a essere cauta e attenta. E adesso non vorrei sbagliare ancora, non così.
Mi faccio scorrere il tempo addosso come fosse dell’acqua.

Standard
Di solito non mi piace ascoltare musica, tranne quella che mi regalano, che mi consigliano, che mi passano. Tranne gli U2, soprattutto, e tranne quando sono malinconica o triste o pensierosa o talmente felice da voler tornare giusto un attimo indietro nel passato. Ascolto musica, cioè, quando è musica che mi parla.
E adesso ascolto musica perchè sono confusa e molto indecisa; perchè l’altra sera mi è venuto un crampo allo stomaco e non doveva succedere. Ho detto infatti che il destino si prende gioco di me. Ma io voglio la rivincita, presto o tardi (la vorrei subito, a dire il vero..).
E poi penso che non c’è molto tempo: appena un mese. E appena due settimane.

non ancora

Standard
L’altra sera qualcuno al piano di sopra mi accompagnava con il pianoforte verso il mondo di morfeo. Ieri sera, invece, faceva tanto freddo ma un gelato ci stava anche bene; all’amarena, però.
A quanto pare il destino complotta contro di me insieme a persone particolari. E le situazioni si invertono del tutto all’improvviso.
Domani sarà Natale e io non saprò essere più buona. Peccato.

nessun-sense

Standard
Un giorno come questo ci voleva davvero. Abbiamo preparato gli antipasti, il primo, il secondo e il contorno. Il camino è rimasto spento perchè non c’era freddo, però abbiamo giocato a poker con il minimo possibile sul piatto e abbiamo vinto una volta ciascuno. Eravamo quattro amiche che inauguravano una nuova vita un po’ troppo in anticipo, ma solo perchè fosse di buon auspicio anche per il presente. Speriamo che questo sia il primo di tanti altri grandi giorni, da ora e per tanto, tanto tempo.