Archivio mensile:luglio 2006

Standard

La musica era terminata,
ma noi continuavamo a ballare.
Avevo tredici anni,
è stata la notte più lunga
della mia vita!

Annunci

onorio

Standard

E chissà per quanto tempo ancora dovrò pensare. La polvere si accumula, le foglie si posano sul terreno con la loro lenta calma. Le pietre, quelle sì che sono decise. Tegola su tegola, viene fuori un tetto che ti ripara dall’acqua, dal vento, dal sole. Dall’ombra.

Ogni anno quell’albero si spoglia. Ogni anno sotto di lui le foglie fanno un secco tappeto. Ogni anno sono foglie diverse. Ogni anno io mi sento sempre la stessa.

poso tutto

Standard

Sono su una veranda, vedo il mare e la luna che vi si specchia narcisa (panorama tipico delle notti di mezza estate) e sento musiche lontane di chioschi.

Ho sentito i botti dei fuochi d’artificio.

C’è una brezza leggera e io non penso che a quella luna. Vorrei appoggiarmi alla ringhiera e parlare a telefono osservandola.

Molto malinconico.

Potrei farlo..

 

Luce blu. Potrei perfino passare la notte qui.